GAATW Logo

Global Alliance Against Traffic in Women

Human Rights
at home, abroad and on the way...

GAATW Logo

Global Alliance Against Traffic in Women

Human Rights
at home, abroad and on the way...

Events and News

I Membri GAATW in Africa

WLEA si compone di un gruppo multi disciplinare di ricercatori che vantano un’esperienza nel campo giuridico, antropologico, giornalistico e delle scienze politiche. Si propone di condurre ricerche di tipo socio-legale sui problemi che riguardano le donne all’interno del paese e cerca di influire sulle politiche e sui cambiamenti giuridici attraverso risultati concreti. WLEA focalizza la sua attenzione sul traffico dei bambini, sui diritti del lavoro e sugli aspetti giuridici dei diritti e della salute delle donne.  

 

WOCON è un’Organizzazione Non Governativa e non profit impegnata nel rafforzamento dei diritti delle donne e nel raggiungimento dell’uguaglianza, dello sviluppo e della pace. Le attività/programmi sul tema della tratta di esseri umani e sulla migrazione comprendono la ricerca (a livello nazionale e regionale), l’advocacy, l’assistenza diretta alle vittime in Nigeria, soprattutto bambini (istruzione e acquisizione di abilità). Una parte dei programmi di prevenzione comprende la sensibilizzazione e la mobilitazione dell’intera comunità, nonché l’incoraggiamento per le vittime di tratta a ritornare in patria.

 

Global Rights è un gruppo di advocacy sui diritti umani che opera mediante attività locali per contrastare l’ingiustizia ed ampliare il coro di voci all’interno del discorso globale. Si concentra sullo sviluppo di abilità degli attivisti locali, essenziali nel trattare i temi di diritti umani e nel promuovere la giustizia. Global Rights aiuta gli attivisti locali ad impegnarsi con la comunità internazionale, Nazioni Unite comprese, per rendere effettivi i diritti umani nel loro paese.

 

Silverline Development Initiatives è un’ONG di sviluppo nigeriana. Si propone di aiutare tutti quelli che si trovano in stato di necessità e di avviare interventi a lungo, medio e breve termine per apportare cambiamenti positivi. I settori in cui opera sono: salute riproduttiva, HIV/AIDS, questioni di genere, costruzione della pace (peace building), sviluppo economico, lavoro minorile, traffico di esseri umani.

 

GPI è il coordinamento di due centri del Paese, Benin-city nello Stato Edo (nella zona sud occidentale) e Calabar, nello Stato di Cross River (nella zona sud orientale). Il segretariato nazionale/quartier generale di GPI si trova nel centro sud orientale, a Calabar. Le attività di GPI comprendono l’educazione rivolta alle adolescenti dai 10 ai 18 anni sulla sessualità, sulla salute sessuale e riproduttiva, sui diritti e i doveri.

 

FIDA, in Kenya, è impegnata nella creazione di una società libera da ogni forma di discriminazione contro le donne, mediante l’assistenza legale, il monitoraggio dei diritti delle donne, l’advocacy, l’educazione e il sostegno. Mira alla creazione di una società giusta che sia libera dalla discriminazione contro le donne. Per il raggiungimento del suo obiettivo, FIDA opera attraverso quattro gruppi: Guida Strategica, Assistenza Legale, Diritti, Finanza e Amministrazione.

 

Youth Crime Watch è un’Organizzazione guidata da giovani che rappresentano la Scuola, la Comunità e le singole persone. Si tratta di una “banda positiva” o famiglia che vuole modificare lo stato della scuola e della comunità; è una forza che opera per liberare le scuole e le comunità dal crimine, dalla droga e dalla violenza. La sua missione è creare un ambiente libero dal crimine, dalla droga e dalla violenza attraverso un movimento guidato da giovani.

 

Kiota Women's Development Organization (KIWOHEDE) è un’organizzazione di tipo locale che opera sin dal 1999 per l’empowerment delle donne e delle ragazze. Attualmente è l’organizzazione più importante ad essere impegnata nella lotta alla tratta in Tanzania. KIWOHEDE gestisce dieci centri di accoglienza e di riabilitazione per ragazze in altrettanti distretti del paese.

Strategic Thematic Direction

During 2011-13, through our Power in Migration and Work thematic programme, we engaged more directly with the migrant rights and labour rights movements. During 2014-2016 our work will build on the work of previous years; we will continue to push for a human rights based approach in anti-trafficking policies and practices.  We will also deepen our engagement with the issue of migration and labour.

The three thematic strategic issues outlined below are continuations of our work during 2011-13.

ACCOUNTABILITY Increasing the accountability of all anti-trafficking stakeholders involved in the design or implementation of anti-trafficking responses, towards the persons whose human rights they purport to protect.

ACCESS TO JUSTICE Broadening spaces for trafficked persons and migrant workers to practice their human rights by improving access to justice and combating all forms of discrimination that impact women’s ability to exercise their human rights as they relate to trafficking.

POWER IN MIGRATION AND WORK Centring an analysis of women’s power in their labour and migration to better assess migration and labour policies’ impact on women, and to work towards labour and migration processes that reflect migrants’ needs, aspirations and capabilities.